Viaggiare on the road

Se pensiamo al viaggio come percorso o, più semplicemente, come cammino da e verso qualcosa, allora il parallelismo con l’immagine della strada che corre o il treno che vola via è quasi immediato. Si parte con uno zaino leggero, emblema forse della nostra mente aperta all’avventura, per poterlo riempire di ricordi strada facendo. Partire, andare via, lasciare tutto e sperimentare noi stessi ed il mondo che ci circonda. Niente viaggi organizzati, location da vip o guide pronte a scandire i ritmi delle vostre giornate. Solo voi e la vostra meta, una cartina, scarpe comode e tanto spirito avventuriero. In macchina possibilmente, in questo modo sarà più piacevole ammirare il paesaggio e fermarsi come e quando si vuole per fotografare un tramonto che sfugge, disegnare l’orizzonte lontano, ammirare uno stormo di uccelli in volo, pensare, scrivere una cartolina o più poeticamente fare l’amore. Non vi proponiamo di lanciarvi in viaggi pericolosi alla “in to the wild”, per quanto emozionanti e di indubbio fascino, viaggiare non significa necessariamente “perdere la bussola della ragione”; quello che rappresenta il viaggio on the road è qualcosa di diverso, un modo particolare di essere liberi di cercare da sè la propria meta, di sperimentare e conoscere, senza programmi prestabiliti ma pur sempre seguendo un percorso… il vostro personale percorso.
Per prima cosa munitevi di una cartina aggiornata, tracciate il vostro percorso e controllate se lungo la strada da voi prescelta sono presenti zone di ristoro come ristoranti ed hotel, prima di mettervi in viaggio controllate che la vostra auto sia pronta ad affrontare i chilometri che avete deciso di percorrere. Mettete in valigia tutto quello che ritenete essenziale per far fronte agli imprevisti climatici, scarpe comode, farmaci di primo soccorso, ed immancabilmente, una macchina fotografica ed un quaderno in cui appunterete tutte le tappe, i progetti, gli incontri fatti ed i luoghi che più vi colpiranno.
Buon viaggio!

1 Commento

  1. Giovanni 4 Giugno, 2010 Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.