Vacanze come a casa, con lo scambio casa

Nato negli anni Cinquanta in Europa, lo scambio casa è diventato da pochi anni anche in Italia un modo alternativo, economico e sociale di vivere le vacanze, all’insegna del risparmio e della conoscenza di realtà diverse dalla propria. Con lo scambio casa è possibile entrare in contatto diretto con i proprietari di case, appartamenti, persino ville, che come noi sono interessati a viaggiare e scoprire territori diversi dai propri. Uno scambio di foto e di informazioni dettagliate, e il gioco è fatto: si parte!

Un tempo era più difficile scambiarsi informazioni su case e dintorni, i tempi di attesa erano lunghi e la rete di persone in cerca di uno scambio casa era molto più limitata. Oggi con internet è tutto cambiato, e questo modo di viaggiare è diventato molto più agevole, sicuro e meno ricco di incognite. Diversi sono i siti specializzati in scambio casa, alcuni dei quali offrono periodi di prova gratuiti e agevolazioni per chi decide di restare affezionato al sito. Un sistema molto simile a quello dei negozi online, poi, gestisce i commenti sulle strutture e sui padroni di casa, e le comunicazioni sono rapide ed efficaci.

Inizialmente c’era l’obbligo di scambiare la propria casa simultaneamente, ovvero la famiglia italiana volava in Inghilterra mentre quella inglese faceva lo stesso verso l’Italia. Il soggiorno poi si completava allo stesso modo. Ora invece ci sono molte possibilità, come lo scambio casa in periodo diversi: questo può succedere grazie al fatto che molte case in scambio non sono le prime residenze di chi le mette a disposizione, ma molto più spesso sono seconde case usate soltanto nei periodi di vacanza. Questo permette a chi ha una seconda casa di essere quasi sempre disponibile a uno scambio, e di poter scegliere quando usufruire del proprio turno anche in momenti diversi, secondo le proprie esigenze.

Quali sono i vantaggi dello scambio casa? In prima battuta, il risparmio economico: con lo scambio casa possiamo soggiornare dove vogliamo senza spendere un centesimo per l’alloggio, e risparmiando anche molto sul cibo che possiamo cucinare noi. Molto spesso è questo il muro di fronte al quale si rinuncia a una vacanza, soprattutto in luoghi come città d’arte, zone turistiche, località di mare e di montagna. Il secondo vantaggio è la praticità: in una casa c’è tutto quello di cui abbiamo bisogno, c’è più spazio che in una camera d’albergo e si sta molto più tranquilli. Infine, la possibilità di vivere un luogo come un abitante: non ci si sente estranei, ma a casa. E nel frattempo chi ci ospita proverà le stesse emozioni a casa nostra.

Solo chi possiede una casa in luoghi d’attrazione può fare scambio casa? No, lo scambio casa funziona ovunque, anche in paesi meno conosciuti o più lontani dalle mete più ambite. Chi cerca una casa ha esigenze di ogni tipo, c’è chi ama la tranquillità della provincia e chi preferisce uno spazio più grande per portare con sè qualche amico, così come c’è chi si adatta al monolocale cittadino anche in cambio di una casa più grande data a chi lo ospita. L’importante è far trovare la casa esattamente come è stata descritta e come l’altro quindi si aspetta di vederla. Si possono usare cortesie in più, come lasciare una piccola spesa di frutta e verdura all’arrivo, oppure una cartina con i luoghi di interesse pratico nella zona (negozi di alimentari, poste, banche).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.