Vacanza in Oman

Sole, caldo, il deserto, luoghi incontaminati e ancora tanta cultura. Stiamo parlando dell’Oman, il sultanato di forma trapezoidale confinante con l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi e lo Yemen. Terzo paese più grande della penisola arabica dopo l’Arabia Saudita e lo Yemen, da qualche anno ha avuto un grande sviluppo turistico grazie al Sultano Qābūs, che ha fatto molto per migliorare la situazione economica del Paese. Che voi decidiate di andarci d’estate o d’inverno, troverete sempre un ottimo clima.

A dicembre, se decidete di trascorrervi le vacanze di Natale o Capodano, troverete 25-30 gradi di giorno, 18 gradi la sera.
Attenzione però all’aria condizionata, che viene usata molto spesso negli alberghi, ristoranti e negozi quindi portate vestiti estivi, ma anche un maglione di lana. Ricordatevi di non indossare abbigliamento scollato, mentre le gonne devono arrivare sotto al ginocchia.

Le compagnie aeree principali che collegano l’Italia a Muscat, la capitale, sono: Oman Air, che opera con quattro requenze settimanali da Milano Malpensa, Etihad via Abu Dhabi ed Emirates via Dubai. I prezzi si aggirano sui 500 euro a/r.

Per quanto riguarda l’alloggio, gli hotel di Muscat sono tutti molto belli, distribuiti lungo la costa, quasi tutti con piscina e accesso diretto alla spiaggia. Elegante e di design è l’hotel 5 stelle The Chedi, resort di costruzione moderna circondato da giardini lussureggianti. Sul lungomare invece potete trovare l’InterContinental Muscat, con tre piscine, sei campi da tennis, centro fitness con sauna e idromassaggio.

Da pochissimo, il 17 ottobre, è stata inaugurata la Royal Opera House Muscat, centro della cultura internazionale voluta dal Sultano dell’Oman, con Turandot diretta da Placido Domingo e la Fondazione Arena di Verona. Per la serata del 31 dicembre è previsto un Gran Galà con il Balletto Mariinsky.

Ma oltre a questo spelndido teatro c’è ancora tantissimo da vedere. Stiamo parlando dell’antica strada dell’incenso, la rotta che attraversa deserti e montagne per il commercio di una resina speciale, raccolta nel Dhofar e lavorata per dare vita all’incenso. Altro tour veramente interessante è quello dei forti, più di 1000. Quelli più impressionanti quello di Jalali e Mirani a Muscat.

Non può mancare una visita al suk, quello di Matrah a Muscat, situato sul mare, vicino al mercato del pesce o i lsuk dell’incenso a Salalah.

Per andare a visitare la Grande Moschea che si trova a Bawshar, ricordatevi di portare una maglia a maniche lunghe e una gonna molto lunga: non si devono vedere le caviglie. Inaurata nel 2001, è un edificio lussuoso finanziato dal Sultano per un valore di circa 45 milioni di dollari. Davvero splendido il tappeto persiano, che copre 4.263 metri quadri della sala.

La foto ci è stata gentilmente fornita dall’ufficio del turismo.

Prenota un Hotel in Oman alla tariffa più vantaggiosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.