Rotterdam, dove il futuro è oggi

Rotterdam, dove il futuro è oggi

Quando si parla di viaggio in Olanda la gran parte delle persone pensa istintivamente ad Amsterdam, una città magnifica in cui trascorrere al meglio anche un fine settimana diverso dal solito. Tuttavia la Capitale dei Paesi Bassi è talmente nota al grande pubblico che una presentazione sarebbe quasi superflua, una city che si racconta da sola e che attira ogni anno milioni di turisti da ogni parte del mondo. La bellezza dell’Olanda però è molto più che Amsterdam: un ottimo esempio di città all’avanguardia, in grado di mixare in modo innovativo il futuro alla tradizione, è senza dubbio Rotterdam, il centro portuale più grande d’Europa, caratterizzato da infrastrutture abitative particolarissime e uniche al mondo come le Kubuswoningen, ovvero case dalle forme cubiche, molto apprezzate dagli amanti dell’architettura moderna e avanguardista.

La storia di Rotterdam è fortemente legata alla contemporaneità, anche se in modo forzoso, a causa degli attacchi bellici della Seconda Guerra Mondiale che l’hanno totalmente rasa al suolo. Completamente ricostruita, quindi, dal 1945 in poi, Rotterdam rappresenta uno dei centri più all’avanguardia di tutto il Vecchio Continente. La multietnicità è una caratteristica imprescindibile per questa città dove è possibile incontrare e scambiare opinioni con cittadini provenienti da oltre 150 Paesi del mondo, e ciò rappresenta un sicuro terreno fertile per lo sviluppo di correnti architettoniche senza precedenti, in grado di dare forma ad uno skyline cittadino che non ha davvero nulla a che invidiare a quello futuristico di New York o Singapore.

I grattacieli e le case cubiche non solo però le uniche attrazioni di una città comodamente raggiungibile in 40 minuti di treno dalla Capitale. Il Markthal, ad esempio, è una delle interpretazioni moderne della cultura tradizionale di Rotterdam: inaugurato lo scorso anno, il mercato comunale più grande d’Olanda mira ad attrarre oltre 7 milioni di turisti all’anno grazie alla sua imponenza e al suo stile urban chic. Il complesso è stato realizzato su 11 piani ed è in grado di accogliere oltre 100 banchi di frutta e verdura, affiancati da circa 260 appartamenti in cui i cittadini possono andare a vivere. La struttura, completamente realizzata in vetro e acciaio, è un chiaro omaggio alla modernità ed è pensata per abbracciare una tradizione fatta di prodotti tipici e prelibatezze per il palato.

Un’altra delle particolarità di questa cittadina olandese affascinante ed innovativa è il Fotomuseum, senza dubbio uno dei più belli del mondo, in grado di ripercorrere la storia della fotografia attraverso un percorso emozionale, digitale ed interattivo.

Prima di tornare a casa, però, è tempo di un giro in barca sulle acque del Nieuwe Maas, grazie a Spido, il battello di ultima generazione pensato per attraversare i grandi e i piccoli canali che compongono la città e  visitare così, dal basso, la magnificenza degli edifici più famosi del mondo. Alcuni degli architetti che hanno messo il loro talento nell’ideazione rispondono al nome di Rem Koolhass, Renzo Piano e Alvaro Siza, veri e propri mostri sacri del design moderno.

FOTO BY FLICKR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.