Nuova Caledonia

Volete trascorrere due settimane di vacanza in un vero paradiso terrestre? Amate il mare, la natura, le spiagge incontaminate? Avete mai sentito parlare della Nuova Caledonia? Scoperta dal Capitano Cook nel 1774, situata nel sud dell’Oceano Pacifico, questa colonia è il più sperduto tra i possedimenti francesi. Organizzare un viaggio per questa splendida meta è molto semplice. Basta avere un visto con validità di almeno 6 mesi ed è necessario esibire, al momento dell’arrivo, il biglietto di andata e ritorno. Per entrare in Nuova Caledonia non serve il visto per i cittadini dell’Unione Europea. Per arrivare si fa scalo in Australia, Nuova Zelanda, Giappone o Polinesia Francese a cui è collegata dalla compagnia Air Caledonie International.

Il costo degli alberghi è molto variabile, a seconda della tipologia della sistemazione. Il prezzo si aggira tra i 40-50 euro per gli hotel più economici in camera doppia, fino a 90 euro per gli alberghi più lussuosi.

L’isola principale è Grande Terre ed è accompagnata da altre piccole isole caratterizzate da bellissime spiagge e da una barriera corallina lunga 1600 chilometri. L’isola principale è la più estesa, mentre un’altra bellissima isola, quella dei Pini, ha solo 70 km di distanza, con lunghissime spiagge bianche e rosa e tantissimi pini verdi.

La Nuova Caledonia possiede la seconda barriera corallina più grande del mondo, quindi è il luogo ideale per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni. Altre gite veramente interessanti sono quelle a cavallo, per visitare le isole in totale libertà. Unica nel suo genere, la Nuova Caledonia ha 3400 piante viventi, di cui 2500 si possono trovare solo qui. La capitale, che si trova nell’isola Grande Terre, è Noumea.

Il clima è opposto a quello dell’Italia. Da dicembre a marzo si ha un clima estivo, caldo e soleggiato, con piogge brevi. Da aprile a novembre invece si ha la stagione secca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.