La magia dell’Islanda

La magia dell'Islanda

Deserti, vulcani e tanto ghiaccio. E’ questo lo scenario principale dell’Islanda ed è per questo che è anche il paese europeo con minor numero di abitanti. Indipendentemente dal periodo in cui si decide di andare, gli scenari che questa nazione offre sono sempre particolari ed affascinanti, unici e indimenticabili. Se state pensando all’Islanda come prossima vostra meta, l’autunno è la stagione forse migliore per gli amanti dei colori e della natura: in questo periodo infatti tutto diventa multicolor e si trasforma in un vero e proprio paradiso soprattutto per i fotografi. Se la natura la preferite da vivere, allora il periodo ideale di partenza è la primavera, stagione perfetta per le passeggiate e il bird-watching. In estate è perennemente giorno, per cui via libera a tutte le attività che più vi piacciono da fare all’aria aperta, come lunghi tratti in mountain bike o trekking. Ma se è l’aurora boreale che state cercando, ancora qualche mese di pazienza e sarà il momento perfetto. E’ infatti proprio la caratteristica dei cieli invernali: lunghe notti illuminate da raggi colorati che vanno dal verde al bianco al rosso… una magia!

La città più popolata dell’Islanda è Reykjavík, la capitale più settentrionale del mondo. Merita sicuramente una visita per la sua architettura e poi, nonostante il freddo, è particolarmente conosciuta per la sua vita notturna piuttosto movimentata. E’ infatti piena di pub e locali dove bere qualcosa e magari fare anche due salti.

A una quarantina di chilometri dalla capitale, c’è la magnifica Laguna Blu, il lago più famoso d’Islanda. Il nome viene proprio dal colore blu delle acque, un turchese vivo e brillante dovuto ai minerali delle rocce (soprattutto silicio e zolfo) e alla presenza di una particolare alga blu. L’acqua qui raggiunge i 40°C e ha molte proprietà benefiche. Non a caso, sulle rive del lago, sorge un bellissimo centro benessere. Nelle vicinanze, merita una visita il caratteristico villaggio di pescatori di Grindavík.

Dal lago più famoso, passiamo alle cascate più imponenti dell’Islanda. Le cascate di Gullfoss. A dire il vero si tratta di un’unica cascata su due livelli che, insieme, raggiungono un’altezza totale di 32 metri. C’è la possibilità di arrivare, tramite un sentiero, a diversi punti panoramici, sia nella parte superiore che in quella frontale, da cui si può godere di una vista davvero da capogiro su tutto il canyon.

E poi c’è il Gran Geyser, il più famoso e più antico d’Islanda (oggi inattivo). Nei pressi, il Geyser Strokkur, attivo e visitatissimo dai curiosi di questa meraviglia della natura. Erutta acqua calda con lanci di 20-30 metri ogni 5-10 minuti. Attenzione però: la temperatura dell’acqua raggiunge i 125°C.

Ma viaggiare significa conoscere anche la cultura di un posto e, se parliamo di cultura gastronomica, qui è davvero particolare. Basti pensare ad esempio all’hákarl, carne di squalo putrefatta o agli hrútspungur, testicoli di montone tenuti a bagno nel siero di latte e poi pressati. E questo giusto per citarne alcuni. Vera specialità è lo skyr: assomiglia vagamente al nostro yogurt ed è a base di latte pastorizzato e batteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.