Alla scoperta delle piccole isole italiane

Per una vacanza dal ritmo lento, scandito dal sole e dalla luna, non c’è niente di meglio che una vacanza in pieno relax in una delle tante piccole, a volte piccolissime, isole italiane. Di giorno sole, mare, nuotate o snorkeling. Di sera i romantici tramonti sulla spiaggia e prelibate cene a base di ottimo pesce. Ecco qui una piccola selezione di quelle che sono tra le migliori piccole isole italiane.

Capraia – Raggiungibile in due ore e mezzo di traghetto partendo da Livorno, Capraia è un’isola dalle acque limpide e cristalline, perfetta soprattutto per chi ama gli scogli. L’unica spiaggia, raggiungibile con la barca, è Cala Mortola, ma solo se il mare è stabile perché in casi di alta marea si assottiglia di molto, quindi è meglio non rischiare. Luoghi suggestivi da non perdere: Monte Castello, il laghetto dello Stagnone e l’ex penitenziario (attivo fino al 1986).

Giglio – E’ un’isola perfetta per chi ama le immersioni con i suoi ricchissimi fondali e i suoi colorati abitanti. Per chi invece vuole semplicemente prendere il sole, allora deve optare per le spiagge di Cannelle e Campese. Meno frequentata, è Caldane, raggiungibile dopo una bella passeggiata tra la natura o l’uso della barca. Da visitare Giglio Porto, dove arrivano i traghetti e dove è bello guardare i pescatori rammendare le reti con i metodi di una volta e Giglio Castello, un borgo medievale davvero affascinante, circondato dalle mura.

Ponza – Una delle mete preferite dei personaggi famosi. Si rimane rapiti già all’arrivo, quando ancora si è sul traghetto. L’isola ci accoglie con il suo porto settecentesco e le case tutte ammucchiate le une sulle altre. Se cercate una spiaggia alla moda e giovanile, dovete dirigervi verso la spiaggia del Frontone. Assolutamente da non perdere: Bagno Vecchio con la sua necropoli, la Grotta di Ulisse, in cui si possono ammirare fantastici giochi di luce e Chiaia di Luna, la più bella spiaggia dell’isola.

Tremiti – Su cinque isole che formano l’arcipelago, solo due sono abitate. Una è San Nicola, tra l’altro la più piccola d’Italia. Tra le tante bellezze dell’isola, una fra tutte è l’abbazia di Santa Maria, costruita dai Benedettini nel 1045. L’altra isoletta è San Domino, un’oasi naturale, ricoperta per buona parte da pini e abitata da diversi tipi di uccelli. Sulla costa occidentale dell’isola, si trova una piccolissima spiaggia dove potersi fermare per un bagno nelle sue acque limpide: Cala Matano.

Lampedusa – Dal mare caraibico, per la sua vicinanzia all’Africa, la si può quasi considerare più africana che italiana. Qui il paesaggio è piuttosto arido. Caratteristici sono i dammusi, le case tipiche del luogo, e un esempio ben conservato è Casa Teresa, protetto dalle Belle Arti. Imperdibili, per gli amanti del mare, l’insenatura naturale di Cala Croce, Cala Creta e la bellissima spiaggia di Cala Pulcino. Ma la più famosa è senza dubbio la bianchissima spiaggia dell’isola dei Conigli. Una nota per gli amanti degli animali: Lampedusa è l’unico posto in Italia dove nidificano le tartarughe Caretta Caretta, tipiche del nostro mare ed è possibile visitare o fare anche una esperienza di volontariato presso il Centro di recupero tartarughe marine gestito dal wwf.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.