Riga, un mix di innovazione e tradizione

Riga, un mix di innovazione e tradizione

E’ una delle mete più ambite degli ultimi anni.

Una destinazione che sull’onda del boom delle località situate nell’Est Europa ha assunto grande importanza strategica per le vacanze dei cittadini italiani che, in ogni stagione dell’anno, la scelgono per trascorrere qualche giorno all’insegna della cultura e del relax. Stiamo parlando di Riga, la capitale della Lettonia, che, giorno dopo giorno, sta scalando le classifiche di gradimento delle città europee più amate. Poco conosciuta fino a qualche anno fa, Riga e tutta la Lettonia, possono essere considerate come delle preziose gemme da scoprire nel cuore del Vecchio Continente, fortemente legate alle tradizioni e alla cultura del passato, ma anche tese verso il rinnovamento ed il futuro.

Raggiungere Riga dall’Italia è molto semplice e, soprattutto, estremamente conveniente: grazie ad AirBaltic, infatti, è possibile recarsi a Riga senza scali da ben 5 città come Milano, Roma, Bari, Venezia e Olbia, con voli giornalieri sempre attivi. Le premesse per una vacanza di qualità, senza spendere una fortuna, ci sono. Ora è necessario rispondere ad una semplice domanda: quali sono le attrazioni principali di una delle più interessanti capitali mondiali? Senza dubbio sono molte, ma questo non basta per rendere giustizia alla bellezza di una città conosciuta anche come la Parigi del Baltico. Un soprannome più che meritato, dovuto in particolar modo all’Art Nouveau che permea gli edifici della città. Sono quasi mille, infatti, le installazioni architettoniche in classico stile liberty, tutte da ammirare grazie alla loro ottima conservazione. Da non perdere, per chi ama l’arte, l’Accademia Lettone, in Kalpaka Boulevard, che sorge, sin dal 1905, in una delle strade cruciali della vita diurna e notturna di Riga.

Per chi all’arte vuole unire la vita di tutti i giorni, immergendosi a pieno nelle dinamiche del Paese da visitare, ecco che il Mercato Centrale rappresenta il non plus ultra: una struttura di oltre 72 mila metri quadrati che non solo rappresenta uno dei più grandi monumenti di tutta Europa, ma che, ogni giorno, ospita migliaia di cittadini che regolarmente acquistano i prodotti alimentari. La moltitudine di colori, il caratteristico profumo e l’ordine, nonostante la grande folla, con il quale si muove questo microcosmo, vi rimarranno per sempre nel cuore.

Ma Riga, come detto, è anche innovazione, sguardo al futuro. Lo testimonia il Gaismas Pils, il Palazzo della Luce, alto ben 77 metri, adibito, al momento, a mega biblioteca lettone, oltre ad essere teatro di mostre ed eventi di carattere internazionale. Il suo impatto visivo di sicuro non lascia indifferenti: la stazza e, soprattutto, la forma lo rendono uno degli edifici moderni d’Europa che godranno di maggior successo di pubblico nei prossimi anni, grazie anche alla sua posizione strategica, sulle rive del fiume Dougava, altra bellezza di Riga. La Dougava, rappresenta il vero e proprio spartiacque tra storia e modernità: da una parte sorgono le costruzioni contemporanee, dalla parte opposta, invece, si erge il centro storico pregno di tradizione.

E prima di tornare a casa, da buoni italiani, non si può non provare la tipica cucina locale, caratterizzata dalle grandi influenze teutoniche e sovietiche. Il piatto forte è senza dubbio l’aringa: un ingrediente utilizzato come base per pietanze povere.

Questo ingrediente, grazie ai numerosi chef di livello assoluto che lavorano in città, può considerarsi oggi un grande protagonista della cucina moderna, rivisitato in numerosi modi, ognuno dei quali vi tornerà in mente, o meglio, in bocca, ripensando alla vostra splendida vacanza a Riga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *