Alla scoperta dell’Ecuador

Alla scoperta dell’Ecuador

Nata quasi per gioco qualche anno fa, la trasmissione RAI Pechino Express sta diventando sempre di più un punto di riferimento per ottenere spunti interessanti per tanti viaggiatori alla ricerca di nuove mete da scoprire. Nell’edizione 2015 la carovana di concorrenti ha attraversato Ecuador, Perù per terminare il viaggio di 8 mila chilometri in Brasile: in questo mix di emozioni e paesaggi, tuttavia, sembrano aver raccolto un grande successo tra gli appassionati turisti del mondo le tappe ecuadoregne.

Per alcuni tempi messo da parte nell’immaginario comune, l’Ecuador, grazie anche alla spinta mediatica, è ritornato prepotentemente in auge tra i viaggiatori d’avventura che mettono al primo posto la voglia di scoperta quando sono lontani da casa.

Un viaggio in Ecuador con i fiocchi non può che cominciare da Quito, la capitale. Sita a quasi 3 mila metri di altitudine, nella parte occidentale delle Ande, è la seconda capitale più elevata al mondo, subito dopo La Paz, in Bolivia, che arriva a toccare 3.640 metri di altitudine, ed è, invece, la prima città in assoluto ad essere stata indicata dall’Unesco come patrimonio dell’umanità, nel lontano 1978. Tra le cose che non possono mancare durante una gita a Quito c’è senza dubbio El Panecillo, ovvero una collina di origine vulcanica alta cica 200 metri che ospita, in vetta, una magnifica statua raffigurante la Vergine Alata. Terminata la visita è tempo di ammirare La Ronda, una delle vie più antiche della città, dove l’arte e la cultura più profonda hanno lasciato testimonianze indelebili. Prima di allontanarsi dalla capitale è necessario fare un sosta a Plaza Santo Domingo, una delle arterie pulsanti di tutta la città, spesso teatro di concerti ed eventi altisonanti.

L’Ecuador, come detto, non è solo Quito: la nazione sudamericana, ad esempio, ospita l’arcipelago delle Galapagos, le 13 isole di origine vulcanica caratterizzate da una fauna unica nel mondo, presente esclusivamente su queste coste. I leoni di mare, le tartarughe, le iguane e addirittura i pinguini sono gli abitanti assoluti di questo angolo di paradiso terrestre che ogni anno accoglie migliaia di turisti desiderosi di una vacanza diversa dal solito. Come per chi sceglie di visitare il vulcano Cotopaxi, altra grande attrazione dell’Ecuador, insieme al grande Parco Nazionale che lo circonda. A circa 50 km da Quito, il Cotopaxi appartiene alla catena montuosa delle Ande ed è alto circa 6 mila metri, secondo solo al Chimborazo, che arriva a toccare oltre 6.310 metri di altitudine. Nella zona di Latacunga, dov’è situato, non è l’unica attrazione naturale: il lago di Quilotoa, scavato all’interno delle gole montuose, ad esempio, riesce a mostrare colorazioni speciali in base all’illuminazione diurna, per uno spettacolo dalle mille sfaccettature a seconda del meteo e dell’orario di visita. Anche il villaggio Cusubamba rappresenta un luogo caratteristico da visitare nella zona di Latacunga, dove si può dormire e mangiare con poco meno di 8 dollari.

Se siete pronti per in viaggio all’avventura, in cui nulla è scontato e dove le emozioni forti saranno all’ordine del giorno, non c’è più tempo per aspettare, l’Ecuador sarà la vostra destinazione ideale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *